ANSIA E DISTURBI INTESTINALI. Come rimediare?

✴Lo stress e l’ansia, quando non gestiti, possono innescare una serie di reazioni nel corpo, con particolare impatto sullo stomaco e l’intestino.
Esiste infatti un’asse intestino-cervello ovvero un collegamento diretto tra la salute celebrale e quella del resto del corpo.

Le tensioni mentali influenzano la motilità intestinale, causando problemi digestivi come la diarrea o la costipazione. Inoltre, l’ansia altera la produzione di serotonina, il neurotrasmettitore spesso chiamato “ormone del benessere”, che è prodotto principalmente nell’intestino. Questo squilibrio influisce direttamente sull’umore, creando un circolo vizioso tra ansia e disturbi intestinali.

Intervenire su questa connessione tra ansia e disturbi intestinali richiede un approccio olistico che coinvolga le 3 sfere del benessere ovvero:
▶ Alimentazione
▶ Movimento
▶ Gestione delle emozioni
Partendo dal cibo possiamo dire che tutti gli alimenti hanno un’influenza sul nostro umore e sono in grado di attivarci o rilassarci. Perciò in questi casi può aiutarci nel ridurre l’ansia un alimentazione che includa cibi ricchi di triptofano, precursori della serotonina, come pesce, uova, noci e banane o che ci aiutino a produrla tale serotonina (introducendo carboidrati sani nei pasti principali).

Inoltre abbiamo a nostra disposizione la possibilità di integrare sostanze come 5-HTP, GABA, Ashwagandha e Teanina, utili a ridurre l’ansia e modulare le tensioni.
L’esercizio fisico regolare rappresenta la seconda arma a disposizione. In particolare la camminata di almeno 30 minuti al giorno, è essenziale per ridurre lo stress. L’attività fisica stimola la produzione di endorfine, i “neurotrasmettitori della felicità”, contribuendo a equilibrare l’umore e migliorare la funzione intestinale.

✅La cura e l’ascolto della propria interiorità rappresentano il terzo ambito dal curare. La Meditazione e gli esercizi di respirazione diaframmatica sono strumenti potenti per gestire lo stress e l’ansia. Queste pratiche aiutano a calmare la mente, a ridurre la tensione corporea e a promuovere un benessere generale.
Il legame tra ansia e disturbi intestinali attraverso l’asse intestino-cervello è un aspetto cruciale della salute mentale e fisica. Prendersi cura del proprio benessere richiede un approccio olistico che includa una dieta equilibrata, l’attività fisica regolare e la gestione consapevole delle emozioni. Trattare l’ansia non solo allevia i sintomi gastrointestinali, ma promuove un equilibrio generale tra mente e corpo, contribuendo a rompere il ciclo vizioso di questa connessione negativa.